News e Eventi

L’OTORINOLARINGOIATRIA A VILLA PINETA

Il 2019 inizia con importanti novità per Villa Pineta a partire dalla collaborazione con la dott.ssa Elisa Aggazzotti Cavazza. Al giovane medico chirurgo, di Modena, sono state affidate le redini dell’Ambulatorio di Otorinolaringoiatria aperto ai pazienti da gennaio. Le visite si svolgono presso la sede di Gaiato (MO) ma anche presso il Poliambulatorio di Modena.
L'ospedale privato accreditato di Modena è in continua crescita per numero e qualità delle prestazioni. Una struttura d’eccellenza nel panorama della sanità emiliana, apprezzata anche da pazienti fuori regione per il trattamento riabilitativo delle patologie respiratorie, cardiologiche, neuromotorie-ortopediche e metaboliche-nutrizionali oltre che per il recupero e la cura delle pneumopatie.  


Per conoscere meglio il servizio abbiamo rivolto un’intervista di benvenuto alla dott.ssa Aggazzotti Cavazza, specialista in otorinolaringoiatria, che in premessa afferma:


“Villa Pineta è un ambiente lavorativo molto stimolante e formativo, soprattutto grazie alla presenza di un team multidisciplinare che lavora in rete prendendosi cura dei pazienti con dedizione, attenzione e gentilezza. Mi ha colpito subito la cura degli ambienti che offrono ai paziente e ai loro familiari un clima rassicurante e positivo.


Qual è il primo bilancio di questa nuova collaborazione?
Desidero come prima cosa ringraziare la Direzione Sanitaria, nella persona della Dottoressa Maria Teresa Nobile per avermi dato fiducia e introdotto in una realtà ospedaliera d’eccellenza per la riabilitazione pneumologica a livello nazionale. È una struttura funzionale e funzionante a 360 gradi, sotto il profilo delle cure, dell’assistenza e dell’accoglienza. La mia esperienza, sebbene ancora marginale è molto positiva anche grazie ai buoni rapporti instaurati con gli altri medici e operatori sociosanitari della struttura.

 

Cosa significa per una neospecializzata lavorare in una struttura come Villa Pineta?

Rappresenta una sfida, non solo professionale, importante. Il mio impegno, in primis, sarà quello di soddisfare le aspettative della Direzione Sanitaria e del Primario, lavorando in rete secondo un approccio multidisciplinare. Villa Pineta, soprattutto per un giovane medico, rappresenta una “palestra” dove fare esperienza e prepararsi alla professione del futuro. Sono molti i giovani, soprattutto universitari che, dall’Italia e persino dall’America, richiedono e affrontano percorsi di formazione e stage in questa struttura apprezzata anche per la centralità del paziente e la qualità del rapporto medico-paziente. La capacità di creare un rapporto di fiducia da parte del medico, e allo stesso tempo la capacità di essere empatici, può trasformarsi in una medicina capace di lenire senso di malessere e stress. I medici che sanno pertanto ascoltare, essere più interessati ai propri assistiti hanno una marcia in più. In questo Villa Pineta è un esempio da sempre.


Quale tipologia di pazienti hai visitato e quali le patologie più diffuse riscontrate?
Tendenzialmente l'età media dei pazienti di Villa Pineta va dai 40 ai 65 anni, agli ultrasettantenni. In questo periodo dove il picco dell’influenza è alto, si sono presentati anche degli adolescenti. Le patologie prevalenti sono disturbi dell'orecchio, che spaziano dal tappo ceruminoso alle otiti medie ai traumatismi, trattando anche patologie nasali come poliposi naso sinusale, epistassi e patologie laringee.


Quali profilassi e trattamento consiglierebbe per questo periodo invernale e di picco influenzale?
Se è possibile consiglierei di evitare rapidi cambi di temperatura e praticare buone norme di prevenzione e di igiene (dal lavarsi frequentemente le mani allo starnutire e tossire con la mano davanti alla bocca). Da punto di vista del trattamento, per uscire prima dall’influenza, si consigliano i lavaggi nasali frequenti, infatti mantenere il naso pulito migliora la performances l'efficacia delle terapie topiche.
Mi preme però di più parlare della profilassi per i tumori del distretto testa e collo (o del distretto cervicofacciale), dove purtroppo il fumo rappresenta un fattore di rischio enorme. I pazienti fumatori dovrebbero innanzitutto smettere e iniziare ad eseguire controlli periodici da un otorino, perché rappresentano una fetta di popolazione a rischio elevato di sviluppare carcinomi non solo polmonari, ma anche laringei, orofaringei e del cavo orale.


Quali obiettivi per questo 2019 per la professione?
Credo molto nel mio lavoro e nell’importanza della formazione e aggiornamento. Il mio obiettivo è contribuire, apportando innovazione e competenze, al miglioramento complessivo dei servizi di Villa Pineta.


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
E’ possibile prenotare una visita con la dott.ssa Elisa Aggazzotti Cavazza chiamando il centralino del Poliambulatorio di Villa Pineta a Modena al num. 059 357460 oppure contattare la sede principale dell’ospedale di Gaiato al num. 0536 42039. L'Ambulatorio di Otorinolaringoiatria è aperto il lunedì pomeriggio a Modena e il mercoledì pomeriggio a Gaiato.